A Madre Elisa

La poesia che di seguito riportiamo fu scritta da un povero che voleva farla finita, ma dopo aver incontrato Mammina cambiò idea, e gliela diede in un pezzo di carta.

 

A Madre Elisa

Io nun sapevo manco ch'esistessi,

che 'ntra 'sto monno pieno de veleno,

in dove la bonta' s'e' fatta rara,

in dove l'omo troppo si interessi

solo pe' li quattrini che accapara,

ce stesse ancora n'anima si’ bona,

che senza dasse arie da matrona,

con umilta', spennesse la sua vita,

in mezzo a la tempesta, a fabbrica' er sereno.

Te chiamano "mammina" e i fiji tuoi so’ tanti,

te vengono a cerca', l'occhi anelanti,

e ognuno c’ha 'na storia tutta sua,

e tu l'ascorti tutti, ad uno ad uno,

e devi avecce er core proprio granne

se d'ogni storia ne fai cosa tua.

Te ce vorrebbe quattro o cinque santi

p'accontentalli tutti, eppure tu

accogli tutti co' lo stesso amore,

la mano stretta a n'antra mano,

ridai fiducia e forza dentro ar core.

E quanno quarche vorta te spazienti,

passa un minuto… quasi te ne penti,

afferri per un braccio chi hai scrollato,

je dichi: “che m‘hai chiesto poco fa?

nun ho capito .... ma nun t'ho scordato. “

Quanno che ce saluti con quer tuo soriso

a me pare che dica a tutti quanti

arrivederci: un giorno ‘n paradiso.

Cara mammina, io so' peccatore,

der paradiso nun conosco strada,

ma tu che cor tuo amore c’hai insegnato amore,

che c'hai tanto commosso e un po' confusi,

tu si’ che in paradiso c’annerai,

te condurra’ "maria" ad occhi chiusi,

ed io, che de ‘sta gloria nun so' degno,

lassu', per un momento ce vorrei salire,

e inginocchiarmi innanzi a te per dire:

“mammina, me lo fai un urtimo favore?

Je dici ar padreterno, che perdona,

de sceglie 'n terra n'antra anima bona

che sappia dispensare tanto amore

peccome hai fatto tu'? Ma a 'sta persona

scelta dal padreterno,

tu je devi dare er core,

si’! er core tuo je devi dare,

fatto tornare in vita a palpitare,

che quello lo sappiamo tutti quanti

che sa amare.”

Pe' mme, io nulla chiederei ar padreterno,

e me ne tronerei dritto a l'inferno

contento de sapere che lassu'

assieme alla madonna ce stai tu.

Virga Alberto

Roma, 20 Maggio 1985